• Slide Title

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE

E' un esame diagnostico radiologico non invasivo che consente di studiare il colon attraverso una visione virtuale del suo lume simile alla visione reale che si ottiene con l'endoscopio a fibre ottiche (endoscopio tradizionale). E' un semplice esame TAC dell'addome ben tollerato dal paziente, sicuro, con bassissimo rischio di complicanze.
I recenti sviluppi tecnologici della Tomografia Computerizzata multi strato (TCMS) con disponibilità di sofisticati programmi di elaborazione tridimensionale hanno reso possibile la rappresentazione degli organi cavi e quindi una visione virtuale all'interno delle pareti intestinali del colon (endoscopia virtuale) simile a quella che è la visione reale che si ottiene con l'endoscopia a fibre ottiche (endoscopia tradizionale).
Che cos'è la colonscopia virtuale?
La colonscopia virtuale è un esame radiologico non invasivo che consente di studiare le pareti del colon attraverso una visione virtuale del suo lume.
Perchè si fa e a chi si fa?
L'esame viene eseguito per studiare le pareti intestinali alla ricerca di polipi o alterazioni neoplastiche del colon. Attualmente la colonscopia virtuale può essere considerata in sostituzione del clisma a doppio contrasto del colon in quanto oltre a valutare la distensione e la opacizzazione del colon consente la visione del lume intestinale con navigazione virtuale al suo interno ma anche uno studio panoramico dell'addome quindi delle strutture e degli organi circostanti al colon. 
colonscopia virtuale computerizzata
Le indicazioni principali sono: - Come integrazione di esame endoscopico tradizionale incompleto per particolari condizioni anatomiche o patologiche che non consentono di proseguire l'indagiNel sospetto clinico di tumore del colon in soggetti che mal tollerano o rifiutano di eseguire esame endoscopico tradizionale. - In pazienti anziani e/o in cui le condizioni cliniche non permettono la esecuzione di una procedura più invasiva quale l'endoscopia tradizionale. - Valutazione pre-operatoria in corso di tumore del colon (precisa localizzazione topografica e corretta valutazione dell'estensione extra-colica della neoplasia). - Screening dei tumori del colon retto in soggetti con fattori di rischio di grado basso-intermedio.
Come si effettua l'esame?
È un semplice esame TAC dell'addome mirato allo studio del grosso intestino; per un ottimale valutazione il colon viene disteso da gas insufflato attraverso un piccolo sondino rettale, può essere iniettato endovena farmaco antispastico (buscopan) per una migliore distensione delle pareti viscerali e quindi anche riduzione della sensazione di tensione addominale avvertita dal paziente. Per la buona riuscita dell'esame è necessaria una corretta preparazione per ottenere una perfetta pulizia intestinale. Per tale motivo nei tre giorni prima dell'esame bisogna seguire una dieta a basso contenuto di scorie e quindi assumere lassativo in modo da ottenere una perfetta pulizia. L'esame ha durata complessiva di pochi minuti; l'acquisizione delle immagini avviene in qualche secondo.
Quali sono i vantaggi?
La colonscopia virtuale è un esame non invasivo, di solito ben tollerato dal paziente, sicuro, con bassissimo rischio di complicanze. L'esame utilizza raggi X ma con basse dosi (inferiori ad esempio ad una normale TAC dell'addome ma anche al clisma opaco o al clisma a doppio contrasto). Per la diagnosi di polipi di diametro di un centimetro la sensibilità e specificità della colonscopia virtuale sono sovrapponibili alla endoscopia tradizionale. L'endoscopia virtuale oltre allo studio completo del colon consente anche la valutazione della estensione extra-parietale nonché la visualizzazione di altri organi addominali.
Quali sono i limiti della colonscopia virtuale?
Pur con i vantaggi sopra-descritti essa non sostituisce la colonscopia tradizionale che è ancora da considerare come gold standard nello studio del colon. La colonscopia virtuale è quindi da considerare come metodica integrativa o alternativa alla colonscopia tradizionale nelle situazioni cliniche sopra-descritte. La colonscopia virtuale è invece da considerare come esame sostitutivo al clisma opaco e al clisma a doppio contrasto.
NORME DA SEGUIRE PER LA PREPARAZIONE ALL’INDAGINE
Nei 3 giorni precedenti l’esame è necessario osservare una DIETA priva di scorie, prevalentemente liquida, come sotto descritta:
Primo e secondo giorno: dieta priva di scorie (evitare cibi integrali, carne rossa, burro, frutta, cereali, legumi, prodotti con latte intero, etc.)
Terzo giorno: dieta liquida (brodo, the, caffè, succhi di frutta, ghiaccioli)
Sempre nei 3 giorni precedenti l’esame è necessario eseguire una preparazione con “MOVICOL” (acquistabile in farmacia) secondo le seguenti modalità: 1 busta ogni pasto principale (compresa la colazione del mattino) di MOVICOL (13.8 g) diluita in un bicchiere di acqua per tutti i 3 gg precedenti l’esame (per un totale di 9 buste):
- ore 8.00 1 busta
- ore 12.00 1 busta
- ore 20.00 1 busta
da ripetere per 3 gg
N.B. Il giorno dell’esame i Sig.ri pazienti dovranno attendere circa 3 ore prima dell’esecuzione dell’indagine, perché verranno somministrati 50 ml di Gastrografin, diluiti in circa 750 ml di acqua per la marcatura dei residui fluidi e solidi in eccesso.
 
Share by: